Le sigarette elettroniche, tendenza o benessere?

20.06.2014 15:13

Le sigarette elettroniche e le star

 

Tantissime pellicole Hollywoodiane sono state inondate dal fumo ipnotico ed emblematico di una sigaretta, magari fumata da donne sensuali come Penelope Cruz a Barcellona o da icone dal fascino intramontabile come Marilyn Monroe nel film Niagara.

Ma con l’arrivo delle sigarette elettroniche, Hollywood ha una nuova preferenza quando si tratta di fumo, come abbiamo potuto Catherine Zeta Jonesosservare in una scena del film The Tourist, con il tenebroso Johnny Depp. Una nuova moda o una scelta di vita?

Molte celebrità come Bradley Cooper, Leonardo Di Caprio, Johnny Depp, Courtney Love, Britney Spears, Kate Moss hanno scelto di combattere la dipendenza dalla nicotina scegliendo la sigaretta elettronica.

Kate Moss ha scelto le sigarette elettroniche per una scelta estetica, per prevenire i primi effetti dell’invecchiamento della pelle; stessa scelta per la bellissima attrice Katherine Heigl, che non può fare a meno della sua e-cigarette.

Jennifer AnnistonUna vera scelta di vita per il protagonista della saga Twilight, Robert Pattinson, che dopo la sua rottura con Kristen Stewart ha deciso di vivere una vita meno ribelle, più sana, soprattutto senza fumo.

Ma conosciamo meglio questo strumento, che molti reputano miracoloso per la salute dei fumatori e che altri invece giudicano solo come un business.
La sigaretta elettronica è stata sviluppata in Cina e introdotta per la prima volta sul mercato statunitense, nel 2007. All’apparenza può essere scambiata per una normale sigaretta con tabacco. Ma uno sguardo più attento rivela invece che sono dei vaporizzatori.

Composte da un meccanismo che non brucia tabacco, ma riscalda un liquido che si trasforma in vapore e successivamente viene inalato e buttato fuori, questo rimedio anti-tabacco non produce ossido di carbonio ne odore sgradevole, anzi in commercio sono disponibili diverse filtri aromatizzati dai gusti più svariati: dalla menta, alla liquirizia passando perfino per la vaniglia e il cioccolato.

Molti sostengono che il vapore offra vantaggi per la salute rispetto al fumo della sigaretta tradizionale, mentre gli ultimi studi clinici e le agenzie di regolamentazione affermano che non è proprio così.

È vero che le e-cigarette sono senza fumo e senza tabacco, ma non sono esenti da nicotina. Infatti il liquido in è tipicamente una Johnny Deppcombinazione di nicotina, aromatizzanti, glicole propilenico (solvente), e altri additivi.
La quantità di nicotina dipende dalla particolare miscela della cartuccia installata nel dispositivo. Alcuni prodotti contengono quantità di nicotina paragonabili alle sigarette con tabacco.

Per evitare intossicazioni o abrasioni, attenzione a non ingerire o versare sulla pelle il liquido scelto.
Uno studio pubblicato sulla rivista Oncotarget., effettuato dal Virginia Bioinformatics Institute, ha recentemente messo in discussione i classici cerotti e gomme alla nicotina utilizzati come terapia anti-fumo, a livello internazionale. I ricercatori hanno affermato che i prodotti alla nicotina sarebbero dannosi pari all’effetto cancerogeno sviluppato dal fumo.

Gli studi in laboratorio hanno dimostrato che la nicotina provocava migliaia di mutazioni chiamate polimorfismi del singolo nucleotide (Snp) nelle cellule esposte, rispetto a quelle di controllo. Modelli simili di mutazioni sono stati osservati anche nelle cellule che sperimentano stress ossidativo, un effetto precursore del cancro, portando quindi a smentire tutte le teorie precedenti secondo le quali la nicotina – tra le 4.000 sostanze chimiche presenti nella sigaretta – era quella in qualche modo più ‘sana’.

L’unica soluzione per smettere di fumare, capace di non mettere a rischio il nostro benessere è quindi la capacità di lavorare e collaborare con la nostra mente, facendo autoanalisi e rendendoci conto che il fumo non apporta nessun beneficio al nostro corpo, e nemmeno alle nostre tasche.

di Claudia Tirendi
Foto via puffweb.com

 

Indietro